Riflettiamo sull’apprendimento: parliamo di Dislessia

 

Abstract

Il compito primario della scuola è quello di garantire una didattica inclusiva che valorizzi le differenze di tutti. Ma la scuola deve anche educare all’accettazione delle caratteristiche che ciascuno possiede e al rispetto delle differenze. Utilizzare strumenti o strategie compensative per studenti con disturbi specifici di apprendimento non significa offrire una facilitazione di tipo cognitivo. La compensazione riduce gli effetti negativi del disturbo per raggiungere prestazioni adeguate e permettere un’effettiva autonomia allo studente con diagnosi di DSA.

Questa Ua punta a guidare ad un approccio corretto alla dislessia con tutti gli studenti della classe, riflettendo sulla lingua e sull’apprendimento. Presentare alcuni esempi di come uno studente con dislessia percepisce il testo scritto durante la lettura aiuta a comprendere la situazione di alcuni compagni. La conoscenza di come in situazioni di difficoltà si attivino particolari aree del cervello e quanto la spinta emozionale aiuti a superare gli ostacoli completano il quadro. Le attività laboratoriali sono incentrate anche sull’indagine nella vita di successi di 5 personaggi famosi con dislessia.

La motivazione per questo argomento non semplice viene tenuta alta dalle attività realizzate con supporti multimediali che si concretizzano in un video da postare su Youtube e condividere su fb.

Carla Sacchi

Effettua la registrazione gratuita sul portale www.tuttoscuola.com per visionare l’intera UA (clicca qui)

I commenti sono chiusi